Macco di fave, ricetta tradizionale

MACCO DI FAVE

Nutriente e gustoso, il macco di fave (maccu) è un antico piatto della tradizione contadina, le cui origini si fanno risalire all’antica Grecia. Il macco è diffuso in tutta la Sicilia, con alcune varianti a seconda della zona: ad esempio possiamo trovarlo con o senza indivia, con l’aggiunta di un battuto di cipolla e sedano o di pomodori, oppure addirittura con carne di maiale. Tuttavia il macco di fave originario è costituito semplicemente da fave secche sgusciate e cotte a lungo in acqua leggermente salata con il finocchietto selvatico e a volte altre erbe aromatiche.

La ricetta la trovate qui

macco di fave

Per leggere la ricetta completa del macco di fave cliccate qui 

Qui la pagina FATTI NOTARE

Qui la pagina VITTORIA AI FORNELLI

Qui il blog VITTORIA AI FORNELLI

Qui la pagina Google+ di VITTORIA AI FORNELLI gestita da Vittoria Dionisi

Pasta al pesto ericino, ricetta siciliana

Pasta al pesto ericino, ricetta siciliana

Il pesto ericino, chiamato anche pesto trapanese, è un piatto tradizionale della cucina siciliana, in particolare della provincia di Trapani. Si tratta di una ricetta semplice e fresca: mandorle, pomodoro fresco, basilico, olio extravergine d’oliva e poco altro, lavorati insieme per ottenere una salsa profumata e cremosa con cui condire la pasta.

Per sapere come preparare il pesto ericino e condire in modo sano e gustoso un buon piatto di pasta continua a leggere qui.

Autore Vittoria Dionisi del blog Vittoria ai Fornelli

Pasta al pesto ericino, ricetta siciliana

pasta al pesto ericino

Continua a leggere qui la ricetta

Unisciti alla fanpage in Facebook di Blog Vittoria ai fornelli

Unisciti alla fanpage in Facebook di Fatti Notare

Alcune ricette che potrebbero interessarti:

Crostata sbriciolata ai fichi

Involtini pollo wurstel |RICETTE FACILI

La mela e i suoi benefici-conoscere gli alimenti

Liquore alla crema di pistacchio by miracucina

Pasta con pesce spada all’agghiotta

Pasta cacio e pepe con fiori di zucca

Pasta frolla senza burro e senza lattosio

Pesce spada in crosta di pane

Petti di pollo pompelmo e zenzero, Ricetta veloce

Pizza salsiccia e funghi con pasta madre

Raccolta ricette dolci da non perdere

Ricetta pasta frolla semi integrale

Tiramisu con crema al latte

Torta da colazione al caffè morbidissima senza burro

Pasta con pesce spada all’agghiotta

La pasta con pesce spada all’agghiotta è una ricetta tradizionale siciliana, un primo piatto davvero eccezionale per profumo e sapore: la “agghiotta”  utilizza la gustosa salsa preparata per cuocere il pesce spada (o anche  la cernia e lo stoccafisso)  per condire la pasta e il risultato è davvero entusiasmante…da provare  😉

Pasta con pesce spada all’agghiotta

La pasta con pesce spada all’agghiotta è un primo piatto gustoso e dal profumo stuzzicante, facile da preparare e di sicuro effetto, nel quale la pasta viene condita utilizzando una tradizionale ricetta siciliana di pesce: il pesce spada all’agghiotta (chiamato spesso, in modo non perfettamente corretto, “alla ghiotta” o “a ghiotta”), un piatto che ha un ruolo di primo piano nella cultura gastronomica siciliana marinara. Originario del messinese, si è poi diffuso in tutta l’isola con numerose varianti e anche in Calabria si trova una ricetta simile: tutte le versioni hanno in comune il pomodoro, le olive e i capperi, a cui si aggiungono quasi sempre le cipolle e in alcuni casi uvette e pinoli. Oltre al pesce spada, molto diffusi ed apprezzati per la preparazione dell’agghiotta sono lo stocco (chiamato anche stocco alla missinese) e il dotto o cernia. È naturale che lo squisito sugo che avanza dall’agghiotta spesso venga utilizzato per il condimento di un primo: a volte a me capita di voler preparare direttamente la pasta con questa ricetta, in tal caso bastano meno di un paio di etti di pesce spada per ottenere un piatto veramente eccezionale. 

 

Pasta con pesce spada all'agghiotta

 Per la ricetta continua QUI

 Su Facebook unisciti alla fanpage di Vittoria ai fornelli

Su Facebook unisciti alla fanpage di Fatti Notare

Print Friendly

Continue reading